Una piccola riflessione

E’ tutto il giorno che rifletto su una frase: qual è il senso della vita? Qual è il senso della mia vita?

Mi si sono aperti una serie di pensieri e di ricordi belli ma anche meno belli e poi mi si è accesa una luce. Non che non lo sapessi prima…ma si è imposta con maggiore forza.

Il senso della vita non è un elenco di cose o una risposta..ma è la capacità di star bene con se stessi…di volersi bene..nonostante i propri e altrui limiti. Anche se a volte tutto intorno a noi ci sembra poco edificante e imperfetto..il tutto resta comunque meraviglioso. Siamo noi che diamo un valore un senso a ciò che viviamo.

Pensavo alla sofferenza che a volte possiamo vivere, essa nasce da una realtà che non coincide con le nostre aspettative. Vorremmo che la felicità, la gioia, l’amore fossero stabili, immutabili. Ma questa stabilità così desiderata è solo un fattore interiore, è dentro di noi. E come potrebbe essere altrimenti in un mondo instabile e in continuo movimento.

Eppure quanta fatica facciamo a fermarci e ad osservarci!? Quanto tempo sprechiamo dietro cose inutili!? Mentre le cose più belle le troviamo proprio dentro di noi!!

E’ dentro di noi che troviamo la bellezza di essere unici..non perfetti..ma unici. E’ dentro di noi che scopriamo quei valori che ci rendono uno ma vicini a tutti. Questo senso della vita, questo star bene con se stessi per amare gli altri però è una conquista quotidiana…è una ricerca continua.

Io credo che ogni giorno dovremmo guardare la vita con sguardo nuovo, con una esuberante dose di ottimismo e di fiducia..in noi stessi negli altri e in Dio!

E’ solo una piccola riflessione molto personale, ma mi piace l’idea di poterla condividere con ognuno/a di voi!:-)

3 commenti:

Rino San ha detto...

Mi inviti a nozze... Nel senso che questa è una domanda che riecheggia continuamente in me. Nel tempo ha avuto diverse "risposte" ma, da non molto tempo, ha avuto una svolta. Ciò che percepisco, e di cui mi sento consapevole è che il senso della Vita (e quindi della mia vita) è intimamente legato al valore della mia vita (può sembrare scontato ma per me non lo è!). Nel Vangelo è scritto che lì dov'è il proprio tesoro (il valore), lì è anche il proprio cuore (il senso della propria vita). Proverò a sintetizzare, anche se non è facile, in ogni caso appena ne avrò l'occasione mi farebbe piacere condividere con te, di persona, questo mio pensiero.
La domanda da cui è partita la mia riflessione è apparentemente “innocua”: Ha più valore la vita di un bambino oppure la vita di un adulto? Ovvero: ciò che facciamo nella nostra vita, o della nostra vita, può dare o togliere valore alla nostra vita?
Chi ha vissuto una vita "disordinata" avrà una vita che vale meno? E chi invece ha vissuto una vita santa è "titolare" di una vita che vale di più? Puoi immaginare la mia risposta!!! La risposta ha avuto ed ha dei riflessi straordinari per la mia vita: la consapevolezza che il valore=il senso della mia vita non è legato a ciò che faccio. Giusto o sbagliato che sia! E' difficile da spiegare in questo contesto senza correre il rischio di cadere nel relativismo, ma ci provo.
Lo slogan che ho scelto per sintetizzare il mio pensiero è: la vita non è una invenzione, ma una straordinaria scoperta. Non c'è niente di nuovo sotto il cielo che non sia stato già fatto, anche se la tecnologia avanza, l'uomo rimane lo stesso e fa sempre le stesse cose, anche se con strumenti e modalità diverse.
Troppo spesso cerchiamo cose che “diano” senso alla nostra vita. Sprechiamo tantissime energie ad “inventarci” cose che non possono in alcun modo dare senso alla nostra vita perché la nostra vita lo ha già un senso. E lo ha avuto prima ancora che nascessimo, perché siamo stati pensati prima ancora che nascessimo. Per cui ci preoccupiamo quasi sempre di trovare qualcosa che è al di fuori di noi e che magari ci sembra bello, e che con fatica immane cerchiamo di portare dentro di noi per riuscire a dare senso alla nostra vita (cose materiali o persone/situazioni).
Fino a quando assoceremo il valore della nostra vita a cose che sono al di fuori di noi, a cose che facciamo, a cose che vogliamo acquisire pensando di risolvere la nostra vita, a persone che sappiamo essere limitate almeno quanto noi, percepiremo la nostra vita come un valore "finito" quanto le cose che sono fuori di noi.
Invece la consapevolezza che il nostro valore/senso è tutto dentro di noi fa cambiare la prospettiva. Non mi devo più preoccupare di cercare cose da mettere dentro di me, piuttosto mi devo preoccupare di scoprire qualcosa che è già dentro di me, e che è dentro di me prima ancora che io nascessi. Solo così potrò iniziare a dare un senso vero, un senso che è dentro di me, alle cose che faccio, al mio quotidiano, cioè non rubando il senso a ciò che è fuori di me, ma donando il mio senso alle cose, al mio tempo, alla mia vita. In questo modo cambia la prospettiva della vita e cioè non guardare più le cose che sono dentro di me dal di fuori, ma guardare le cose che sono fuori di me dal di dentro. Ecco la nuova prospettiva. Per me è un po’ come essere “nel” mondo ma non essere “del” mondo.
Questo pensiero è per me come un fiume che porta con se tantissimi rivoli. Ti accenno solo a due di questi rivoli. Uno è che tutto ciò che viviamo fuori di noi è fondamentale ed insostituibile per scoprire ciò che è dentro di noi. E’ troppo lungo da spiegare, comunque ha a che fare con ciò che ci mette in contatto con il mondo: i nostri cinque sensi (vista, olfatto, udito, tatto, gusto). E di conseguenza la percezione che abbiamo delle cose che ci circondano, ovvero la consapevolezza di ciò che è fuori di noi.
Il secondo rivolo riguarda ciò che facciamo nella nostra vita. Le cose giuste o sbagliate che facciamo, come ti ho detto prima, non possono né mettere né togliere niente alla nostra vita, però possono aiutarci a rivelare oppure nascondere il senso che è dentro di noi, la consapevolezza che abbiamo del valore della nostra vita. Infatti se anche vivo nella mia vita un’esperienza di dolore, se quella esperienza mi fa riconoscere l’essenziale di me stesso, di ciò che provo, e quindi porta alla luce la verità della mia vita, allora diventa vivificatrice per la mia vita.
Meglio fermarmi qui. Spero quanto prima di poter condividere e confrontarmi con te di persona.
A presto. Un abbraccio.
Rino
PS: credo di avertelo già detto ma ora penso ti sarà un po’ più chiaro il motivo di ciò che vado ripetendo a chiunque, anche a quelli che non sanno cosa ci sta dietro, e cioè: comunque vada sarà un successo… o meglio sarà successo. Già perché comunque vada la mia vita, come la tua vita, è un “successo” perché “succede”, perchè è comunque straordinariamente Vita.

terry ha detto...

Ciao rino,
è sempre dalle damande apparentemente innocue che si arriva poi a scavare pian piano dentro di noi.. ammesso però come dicevo nella mia riflessione..che ci si fermi ad osservarci. Sì la vita non è invenzione..ma una straordinaria scoperta. Mi piace questo slogan:-) Ricordo la nostra chiacchierata in auto il giorno del mio compleanno...e mi accorgo che la tua riflessione è rimasta costante in questi mesi ma più profonda e con delle evoluzioni significative.
La nostra vita creata ad immagine e somiglianza di Dio, porta l'impronta divina anche quando sembra aver perduto questa somiglianza. E allora è più chiaro comprendere che se la vita umana è un valore sempre allora sempre va tutelata e promossa.
Bisogna imparare a cogliere sempre di più la verità di noi stessi.. lo so è faticoso..e lo sperimento continuamente..ma solo cosi possiamo scoprire (visto che la vita è una scoperta) quel filo logico che connette tutti gli avvenimenti della vita, dando loro un senso preciso.
Purtroppo ora devo scappare a scuola avremo modo di confrontarci ancora..magari sì di persona..o cmq su questo blog:-)
un abbraccio

freespiritman ha detto...

Eccomi qua a leggerti e con sincerità devo farti i complimenti per le tematiche che tratti, perchè sono perfettamente in linea con il mio modo di pensare e di vedere la vita. Penso che tornerò spesso a trovarti. Poi, se arrivi dal blog di Sara, sei doppiamente la benvenuta, perchè lei, qui in rete è la mia adorata amica del cuore. Grazie comunque per la tua visita, e metterò il tuo link tra quello dei miei amici.
Un abbraccio ancora grazie.
Free

Copyright © 2008 - Il posto che cercavo..bioetica - is proudly powered by Blogger
Smashing Magazine - Design Disease - Blog and Web - Dilectio Blogger Template